lunedì 26 maggio 2014

Tax return: Prima esperienza

Fatto!

Anche noi abbiamo superato l'ostacolo della prima esperienza con la dichiarazione delle tasse US.


Qualche commento?

La prima cosa che si nota è quanto sia qui ben chiaro il concetto di federalismo:ogni anno  si compila una dichiarazione all'IRS -Internal Revenue Service ( www.irs.gov) per la parte federale, e poi si compila  nuovamente  la medesima dichiarazione, specifica per quegli Stati dove si è stati per lavoro. Bada bene: non sto parlando di un contratto di lavoro da libero professionista, bensì  di un contratto di dipendenza con una Company, che periodicamente manda il suo dipendente a lavorare in altri Stati.
Inutile dire che ogni Stato applica una diversa aliquota di tassazione.



Così mi sono trovato a fare 4 dichiarazioni: una allo stato federale e 3 a tre diversi Stati, uno dei quali avevo frequentato SOLO per 2 giorni.

E ovviamente i risultati non sono paragonabili poichè ogni Stato appunto ha la sia percentuale di tassazione e così in alcuni casi ti ritrovi a debito e in altri a credito, ad alcuni devi mandare un check o pagare online, altri ti mandano indietro l'assegno (o accreditano sul conto) nell'arco di 1 mese (!!!).

Altra cosa. Noi avevamo il problema che i figli non possiedono ancora un Social Security Number (SSN, il corrispettivo US del Codice Fiscale).  Anche a questo ci ha pensato l'IRS -Internal Revenue Service: abbiamo spedito il pacchetto della dichiarazione ad un altro ufficio, includendo anche la documentazione necessario (copia di passaporto e visto autenticati dal consolato) che ha prodotto il necessario codice identificativo personale, e poi girato il tutto all'ufficio preposto alla validazione della dichiarazione dei redditi, senza ulteriori richieste a noi.

Altra nota lo merita il fogli che lo stato dell'Illinois mi ha mandato insieme all'assegno:


Solo una pagina con un grafico e qualche numero, ma davvero, dopo averlo letto, si ha la sensazione di sapere come sono stati spesi i soldi che abbiamo versato: una bella torta con le percentuali di spesa per le varie voci (Education 19%, Health Care 19%, Pensioni Pubbliche 4%, Children & Family Services 2%), il valore dei pagamenti arretrati (6.1 miliardi di dollari), il fatto che sono state raccolte più tasse di quanto previsto (1.3 miliardi di dollari). Insomma non necessariamente una complicata partita doppia con il dettaglio di tutte le voci di spesa (e che diventa illeggibile ai più), ma piuttosto una sintentica paginetta che indica le maggiori voci di interesse.